Search

Common errors when studying italian pt.2


Ciao a tutti! Today you will find the second part of the most common mistakes made by students when they speak and write in Italian, I hope it will be useful to improve your level of knowledge of the language; ready? let's go!


1) “Vado a visitare la nonna”

Many students use the verb VISITARE (to visit, to go seeing someone) incorrectly. In the Italian language, this verb can be used when referring to a place (vado a visitare un museo,ho visitato un museo), but not when going to see a person: in this case it is correct to use the expression: Andare a trovare.

ex.: andiamo a trovare la nonna in campagna

let's go visit grandma in the countryside


2) “Il mio piatto favorito è la pizza”

This is one of the false friends coming from the English language; in fact many students use the word favorito (from the english favorite) instead of the word preferito, to describe something they love, but Italians use the first to describe an objective situation, for example to indicate the best person in a competition, while they use preferito to indicate something that they likes in a subjective way.

ex.: il mio piatto preferito è la pizza / il cantante favorito al festival di Sanremo è Diodato

my favorite foot is pizza / the singer favored to win at the Sanremo festival is Diodato


3) “Compro qualche libri”

Even if the indefinite adjective qualche expresses a plural meaning, in italian it is always used followed by a singular word.

ex.: vado in libreria per comprare qualche libro per il viaggio.

I am going to the bookstore to buy some books for the trip.


Do you make these mistakes too? If the answer is yes, don't despair! Learning how to use a language correctly takes a lot of time and effort. Often students make mistakes like these, especially at the beginning, because when they use a foreign language they still think in their mother tongue.

For this reason I recommend to do a lot of reading and listening practice to fully understand the way of thinking of the italian language. I hope you enjoyed this post and that it made you want to study even more.

A presto!

G.



_ -_ _ _ _ - __ -_ _ _ _ - __ -_ _ _ _ - __ -_ _ _ _ - __ -_ _ _ _ - __ -_ _ _ _ - __ -_ _ _ _ - __ -_ _ _ _ -

Article in Italian



Ciao a tutti, oggi troverete la seconda parte degli errori più comuni fatti dagli studenti quando parlano e scrivono in italiano, spero possa esservi utile per migliorare il vostro livello di conoscenza della lingua; pronti? cominciamo!


1) “Vado a visitare la nonna”

Tanti usano in modo errato il verbo visitare. Nella lingua italiana si può usare con un luogo, ma non con una persona: in questo caso è corretto usare l'espressione andare a trovare.

es.: andiamo a trovare la nonna in campagna.


2) “Il mio piatto favorito è la pizza”

Questo è uno dei falsi amici della lingua inglese; infatti moltissimi studenti usano la parola favorito (dall'inglese favorite) al posto di preferito per descrivere qualcosa che amano, ma gli italiani usano la prima per descrivere una situazione oggettiva, come per indicare la persona probabilmente migliore in una competizione, mentre usano preferito per indicare qualcosa che gli piace in maniera soggettiva.

es.: il mio piatto preferito è la pizza / il cantante favorito al festival di Sanremo è Diodato


3) “Compro qualche libri”

Anche se l’aggettivo indefinito Qualche esprime un significato plurale, si usa sempre seguito da una parola singolare.

es.: vado in libreria per comprare qualche libro per il viaggio.


Anche voi fate questi errori? Se la risposta è sì, non disperate! Imparare ad usare correttamente una lingua richiede molto tempo ed impegno costante. Molto spesso gli studenti fanno errori come questi, soprattutto all’inizio, perchè quando usano la lingua straniera, pensano ancora nella loro lingua madre. Per questo motivo vi consiglio di fare molto esercizio di lettura e di ascolto per entrare a pieno nel modo di pensare della lingua italiana.

Spero che questo post vi sia piaciuto e che vi abbia fatto venire voglia di studiare ancora di più.

A presto,

G.




13 views0 comments